L’inconsistenza politica delle Sardine

L’inconsistenza politica delle Sardine

Lo abbiamo detto sin da quando le sardine furono create a tavolino dal PD per sconfiggere lo spettro della vittoria delle destre nelle elezioni regionali in Emilia.
Le sardine ed il loro leader Mattia Santori sono da sempre una costola del PD e la loro inconsistenza politica e mancanza di idee le abbiamo potute vedere continuamente nel corso degli anni.
Santori dopo essere stato eletto nelle liste del PD, al consiglio comunale a Bologna con la proposta di creare il primo stadio di frisbee nel capoluogo emiliano è riuscito far parlare di sé, dopo tanto tempo, grazie ad un intervento in un consiglio comune di qualche giorno fa.
Un intervento al limite del ridicolo:
“Increscioso assalto di due cani a due oche. Desidero esprimere vicinanza al consigliere Celli e alla sua famiglia per il fatto increscioso avvenuto lo scorso giovedì. Nei pressi di Monzuno due cani scappati al controllo del padrone si sono avventati sulle oche che la famiglia Celli tiene nel giardino della propria abitazione”.
Questo è lo spessore politico a cui il PD e tutta la classe politica attuale ci ha abituati per decenni.
Non basta un cambio, serve una rivoluzione

Condividi !

Shares
Draghi: Ancora Tagli alla Sanità

Draghi: Ancora Tagli alla Sanità

Mentre in Italia si parla solamente del conflitto russo-ucraino e dai media sembra che la pandemia sia miracolosamente svanita nel nulla, Draghi con il suo “governo dei migliori” si appresta a tagliare ancora di più il Servizio Sanitario Nazionale dimenticandosi di quanto in fretta sia collassato, durante la prima ondata di pandemia, proprio a causa dei tagli fatti negli ultimi trent’anni.
Nel Documento di economia e finanza (Def),al contrario di quanto sbandierato durante i vari lock-down, ci sarà un ulteriore taglio alla Sanità Pubblica da oggi fino al 2025, abbassando la spesa di un punto percentuale del pil, passando dal 7,2% di spesa al 6,2%, un risultato persino peggiore a quello pre pandemia del 2019.
Un taglio di ben 6 miliardi di Euro in 3 anni, a dimostrazione che per i nostri governanti la salute dei cittadini non ha alcuna importanza e sembra che per loro la pandemia non sia mai esistita.
Allo stesso tempo però, per rispettare i diktat imposti dalla NATO, dagli USA e dall’UE non si peritano ad aumentare vertiginosamente le spese militari (2% del pil) e a togliere l’Iva sulla vendita delle armi destinate alle guerre.

Condividi !

Shares
Il gas USA costa il 50% in più del gas russo

Il gas USA costa il 50% in più del gas russo

Per sostituire il metano proveniente dai gasdotti russi ci sono poche soluzioni e quella che va per la maggiore è il gas prodotto dagli Stati Uniti, liquefatto e caricato in delle gigantesche navi così da essere portato in Europa.
Tutto questo processo porta ad un aumento, a parità di consumo, del 50% del costo finale, senza dimenticare che il trasporto via mare vuol dire maggior inquinamento e maggiore rischio di incidenti, proprio come con le petroliere.
Facendo due conti è facile capire come gli unici a rimetterci sono tutti coloro che vivono del proprio lavoro che dovranno pagare questi aumenti vertiginosi del costo dell’energia.
Invece a guadagnarci, sono sempre gli stessi.

Condividi !

Shares
12 Aprile del 1961 Jurij Gagarin nella storia

12 Aprile del 1961 Jurij Gagarin nella storia

Il 12 Aprile del 1961 Jurij Gagarin diventa il primo uomo ad andare nel Cosmo.
Grazie al Vostok-1, il vettore sviluppato e creato in Unione Sovietica, l’uomo che era nato 26 anni prima nei confini estremi della Russia, figlio di un falegname e di una contadina, rimarrà in orbita per 108 minuti.
Quel giorno rimane ancora oggi un punto di svolta per l’intera umanità, che ha aperto le porte ad una nuova era della Scienza e della Tecnologia. Da quel giorno grazie all’Unione Sovietica, nata solamente 44 anni prima, la storia del mondo non è stata più la stessa.
Il primo uomo ad uscire dall’atmosfera del pianeta Terra era un figlio del popolo, era un sovietico. E non importa se lo Space Symposium di Colorado Springs negli Stati Uniti trasforma la “Yuri’s Night” in “Celebration of Space: Discover What’s Next” o se in giro per il mondo coprono le statue che lo ritraggono, quell’uomo sarà per sempre Jurij Gagarin figlio della Rivoluzione e dei lavoratori al potere.

Condividi !

Shares
NO Alla nuova base militare con i soldi del PNRR

NO Alla nuova base militare con i soldi del PNRR

Esprimiamo un forte dissenso verso la nuova proposta di costruire una nuova base militare a Pisa nel parco di San Rossore, a pochissimi kilometri dalla già pre-esistente base americana di Camp Derby.
Settanta ettari con edifici, poligoni di tiro, una torre, centri di addestramento, un eliporto, uffici, magazzini e molte polemiche.
L’ex Centro Radar di Coltano, alle porte di Pisa, ospiterà una nuova base militare: sarà la casa dei reparti dell’Arma dei Carabinieri del Gis (Gruppo Intervento Speciale), dei gruppi cinofili e dei paracadutisti del Tuscania.
Poche settimane fa il premier ha firmato un decreto in cui considera l’opera destinata alla difesa nazionale e il programma ha subito lo sprint decisivo. Sarà realizzato coi fondi del Pnrr.
La zona in questione è diventata molto importante da punto di vista strategico negli anni. La base americana di Camp Derby da trent’anni è una piattaforma per gli interventi militari in Africa e Medio Oriente, e per le esercitazioni nel Mediterraneo e nel mar Nero e al momento si sta ampliando ulteriormente.
Da qui sono partite le armi per la prima e la seconda guerra in Iraq, per il Libano e per lo Yemen e da quando è scoppiata la guerra in Ucraina, il 24 febbraio 2022, i trasporti di armi si sono spostati verso l’aeroporto di Pisa, dove dall’inizio di marzo gli aerei cargo vengono riempiti di armi e munizioni destinate all’esercito ucraino. Un’attività che coinvolge il settore militare dello scalo e si è estesa al confinante scalo civile.
Ora vogliono costruire anche una nuova base, per incrementare il controllo e militarizzare ancora di più tutta l’area, a questo si aggiunge il fatto che i soldi stanziati per la costruzione della cittadella militare di Coltano non arriveranno dai fondi per la difesa, bensì dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), i fondi stanziati dalla Commissione europea per risollevare l’economia italiana dopo la pandemia.

Condividi !

Shares
Vergogna!

Vergogna!

È vergognoso e disgustoso quello che sta accadendo in Italia in questo periodo a giornalisti, storici, professori e chiunque osi mettere in dubbio la narrazione del pensiero unico che i nostri media ci propinano ogni giorno.
Solidarietà ad Alberto Fazolo e Sara Reginella , all’Anpi, a Toni Capuozzo, a Giorgio Bianchi, al Professor Orsini e tutti gli altri per tutte le offese, gli attacchi, le denigrazioni, l’ostracismo che stanno subendo in nome di una falsa democrazia che tenta di censurare tutto ciò che va in contrasto con il pensiero della NATO e dell’Unione Europea a matrice USA.
Ormai non fanno più nemmeno finta, non si nascondono più dietro una finta democrazia. Hanno gettato la maschera.
O la pensi come loro o ti fanno diventare un mostro, un pazzo da eliminare.

Condividi !

Shares
Vogliamo Pace e Lavoro

Vogliamo Pace e Lavoro

Mentre il governo Draghi continua a spingere per l’escalation militare, l’invio di nuove e più potenti armi all’Ucraina, l’aumento vertiginoso delle spese militari e la politica suicida delle sanzioni, per il nostro tessuto produttivo e per i lavoratori italiani la situazione sta rapidamente precipitando.
Nei giorni scorsi lo stabilimento Colussi di Petrignano, vicino ad Assisi, ha annunciato la richiesta di cassa integrazione a rotazione per i suoi 350 dipendenti.
Provvedimento che secondo l’azienda si è reso necessario “per arginare la grave e straordinaria congiuntura internazionale che ha pesantemente colpito l’economia nazionale e il comparto agro-alimentare”.
Come sempre insomma i costi delle crisi create da governi e padroni vengono scaricati sui lavoratori.
Al momento comunque non si parla di chiusura e licenziamenti, ma se il governo Draghi continuerà a far avanzare il paese verso il baratro ciò che è scongiurato oggi rischierà di diventare realtà domani.
Come Partito Comunista siamo al fianco dei lavoratori della Colussi e chiediamo con forza che la proprietà rispetti gli impegni presi con le RSU
confermando gli investimenti sullo stabilimento finalizzati al rinnovo e al potenziamento delle linee di produzione entro la fine dell’anno 2022.
Nessun posto di lavoro deve andare perso! I soldi pubblici vanno investiti per i bisogni sociali della popolazione e per tutelare la produzione e le classi lavoratrici, non per le armi e la guerra!

Condividi !

Shares