🔮 đ——đ—œđ—Šđ—§đ—„đ—”đ—­đ—œđ—ąđ—Ąđ—˜, đ——đ—œđ—Šđ—§đ—„đ—šđ—­đ—œđ—ąđ—Ąđ—˜ 𝗘 đ—œđ—Šđ—§đ—„đ—šđ—­đ—œđ—ąđ—Ąđ—˜ 𝘐𝘭 đ˜±đ˜¶đ˜Żđ˜”đ˜° đ˜„đ˜Ș đ˜ˆđ˜­đ˜Łđ˜Šđ˜łđ˜”đ˜° đ˜“đ˜°đ˜źđ˜Łđ˜ąđ˜łđ˜„đ˜°, đ˜šđ˜Šđ˜šđ˜łđ˜Šđ˜”đ˜ąđ˜łđ˜Ș𝘰 𝘎𝘩𝘯𝘩𝘳𝘱𝘭𝘩 đ˜„đ˜Šđ˜­ đ˜—đ˜ąđ˜łđ˜”đ˜Șđ˜”đ˜° đ˜Šđ˜°đ˜źđ˜¶đ˜Żđ˜Șđ˜Žđ˜”đ˜ą Tipico esempio di balletto tra opposte nullitĂ  che perĂČ, pompati dalla potenza dei media, riescono a deviare l’attenzione su cose irrilevanti e creare gli schieramenti sul vuoto pneumatico. Prima bordata (in realtĂ  una puzzetta). đ—Ÿđ—¶đ˜đ˜đ—¶đ˜‡đ˜‡đ—Čđ˜đ˜đ—Œ, idolo dei â€œđ—œđ—żđ—Œđ—Žđ—żđ—Čđ˜€đ˜€đ—¶đ˜€đ˜đ—¶â€, si scaglia contro una lavoratrice della scuola (come ormai costume del progressivismo imperiale nemico dei lavoratori), un’insegnante che ha subĂŹto un atto sempre piĂč frequente nelle nostre scuole, dove l’autorevolezza (si badi bene, non l’autoritĂ ) dei docenti Ăš stata annichilita da anni di malgoverno culturale e finanziario. Risposta. Valditara, idolo dei â€œđ—żđ—¶đ—Žđ—Œđ—żđ—¶đ˜€đ˜đ—¶â€, non difende l’insegnante, ma leva lo scudo “securitario” contro lo studente, invocando il ruolo dell’educazione scolastica. Assenti: 1) il trattamento economico dei docenti, ultimo in Europa; 2) le condizioni di arruolamento con concorsi truffaldini e persistenza della precarizzazione (il 15,38% dei docenti ha un contratto a tempo determinato, tra gli ATA il 29,41%); 3) le condizioni dei luoghi scolastici (oltre il 58 percento senza certificazione di abitabilitĂ ); 4) il costante svilimento del ruolo del docente, sottoposto a inutili scartoffie e stretto tra famiglie che spesso non ne riconoscono piĂč il ruolo educativo e dirigenti preoccupati spesso solo dei “numeri” da presentare al ministero. đ˜Ÿđ™€đ™Łđ™©đ™žđ™Łđ™Șđ™žđ™–đ™ąđ™€ 𝙖 𝙛𝙖𝙧𝙘𝙞 𝙙𝙚𝙡 𝙱𝙖𝙡𝙚



from Partito Comunista https://ift.tt/9JZknmR

🔮 đ——đ—œđ—Šđ—§đ—„đ—”đ—­đ—œđ—ąđ—Ąđ—˜, đ——đ—œđ—Šđ—§đ—„đ—šđ—­đ—œđ—ąđ—Ąđ—˜ 𝗘 đ—œđ—Šđ—§đ—„đ—šđ—­đ—œđ—ąđ—Ąđ—˜
𝘐𝘭 đ˜±đ˜¶đ˜Żđ˜”đ˜° đ˜„đ˜Ș đ˜ˆđ˜­đ˜Łđ˜Šđ˜łđ˜”đ˜° đ˜“đ˜°đ˜źđ˜Łđ˜ąđ˜łđ˜„đ˜°, đ˜šđ˜Šđ˜šđ˜łđ˜Šđ˜”đ˜ąđ˜łđ˜Ș𝘰 𝘎𝘩𝘯𝘩𝘳𝘱𝘭𝘩 đ˜„đ˜Šđ˜­ đ˜—đ˜ąđ˜łđ˜”đ˜Șđ˜”đ˜° đ˜Šđ˜°đ˜źđ˜¶đ˜Żđ˜Șđ˜Žđ˜”đ˜ą

Tipico esempio di balletto tra opposte nullitĂ  che perĂČ, pompati dalla potenza dei media, riescono a deviare l’attenzione su cose irrilevanti e creare gli schieramenti sul vuoto pneumatico.

Prima bordata (in realtĂ  una puzzetta).
đ—Ÿđ—¶đ˜đ˜đ—¶đ˜‡đ˜‡đ—Čđ˜đ˜đ—Œ, idolo dei â€œđ—œđ—żđ—Œđ—Žđ—żđ—Čđ˜€đ˜€đ—¶đ˜€đ˜đ—¶â€, si scaglia contro una lavoratrice della scuola (come ormai costume del progressivismo imperiale nemico dei lavoratori), un’insegnante che ha subĂŹto un atto sempre piĂč frequente nelle nostre scuole, dove l’autorevolezza (si badi bene, non l’autoritĂ ) dei docenti Ăš stata annichilita da anni di malgoverno culturale e finanziario.

Risposta. Valditara, idolo dei â€œđ—żđ—¶đ—Žđ—Œđ—żđ—¶đ˜€đ˜đ—¶â€, non difende l’insegnante, ma leva lo scudo “securitario” contro lo studente, invocando il ruolo dell’educazione scolastica.

Assenti:
1) il trattamento economico dei docenti, ultimo in Europa;
2) le condizioni di arruolamento con concorsi truffaldini e persistenza della precarizzazione (il 15,38% dei docenti ha un contratto a tempo determinato, tra gli ATA il 29,41%);
3) le condizioni dei luoghi scolastici (oltre il 58 percento senza certificazione di abitabilitĂ );
4) il costante svilimento del ruolo del docente, sottoposto a inutili scartoffie e stretto tra famiglie che spesso non ne riconoscono piĂč il ruolo educativo e dirigenti preoccupati spesso solo dei “numeri” da presentare al ministero.

đ˜Ÿđ™€đ™Łđ™©đ™žđ™Łđ™Șđ™žđ™–đ™ąđ™€ 𝙖 𝙛𝙖𝙧𝙘𝙞 𝙙𝙚𝙡 𝙱𝙖𝙡𝙚


Condividi !

Shares