đź”´ IV CONGRESSO DEL PARTITO COMUNISTA RAFFORZARE – UNIRE – ALLARGARE Sabato 25 Marzo ore 15 Aperto a tutti Il Partito Comunista e la lotta all’Unione Europea e NATO Con: đź”´Marco RIZZO Presidente Onorario đź”´Alberto LOMBARDO Segretario generale đź”´Con la partecipazione e i saluti di delegazioni, delle ambasciate e dei Partiti Comunisti


from Partito Comunista https://ift.tt/tcIdWoX

đź”´ IV CONGRESSO DEL PARTITO COMUNISTA
RAFFORZARE – UNIRE – ALLARGARE

Sabato 25 Marzo ore 15 Aperto a tutti
Il Partito Comunista e la lotta all’Unione Europea e NATO
Con:
đź”´Marco RIZZO Presidente Onorario
đź”´Alberto LOMBARDO Segretario generale

đź”´Con la partecipazione e i saluti di delegazioni, delle ambasciate e dei Partiti Comunisti

Condividi !

Shares

L’OCCIDENTE TORNA AD USARE L’URANIO IMPOVERITO Il vice segretario alla Difesa britannico Annabelle Goldie ha annunciato che Londra fornirĂ  al regime di Kiev munizioni all’uranio impoverito come parte del prossimo pacchetto di aiuti. Secondo Military Watch, le munizioni verranno consegnate insieme a carri armati Challenger 2. “Oltre a uno squadrone di carri armati Challenger 2, forniremo all’Ucraina munizioni, tra cui proiettili perforanti contenenti uranio impoverito. Questi proiettili sono molto efficaci per sconfiggere i moderni carri armati e veicoli corazzati”, ha dichiarato Goldie. L’uranio impoverito è uno degli elementi piĂą pesanti presenti sul pianeta, deriva da scorie radioattive a basso livello lasciate dalla produzione di combustibile nucleare o di testate nucleari ed è disponibile in grandi quantitĂ . L’uranio impoverito è molto utilizzato nei proiettili anticarro occidentali per garantire una maggiore penetrazione. L’uso di questi proiettili ha conseguenze distruttive per tutto l’ambiente e per l’uomo: le particelle radioattive di uranio impoverito che vengono rilasciate nell’aria possono percorrere piĂą di 40 km dopo ogni sparo e raggiungere facilmente le vie respiratorie, con un tempo di dimezzamento di oltre quattro miliardi di anni. L’Occidente ha usato tali proiettili contro la Jugoslavia in passato( con piĂą di 22.000 persone sono morte per carcinoma in Serbia) e nel 2004 in Iraq in cui la cittĂ  di Falluja fu bombardata in modo particolarmente pesante con uranio impoverito dalle forze statunitensi. L’uso di proiettili con uranio impoverito è un chiaro intento di genocidio.


from Partito Comunista https://ift.tt/mfcOYyL

L’OCCIDENTE TORNA AD USARE L’URANIO IMPOVERITO

Il vice segretario alla Difesa britannico Annabelle Goldie ha annunciato che Londra fornirĂ  al regime di Kiev munizioni all’uranio impoverito come parte del prossimo pacchetto di aiuti. Secondo Military Watch, le munizioni verranno consegnate insieme a carri armati Challenger 2.
“Oltre a uno squadrone di carri armati Challenger 2, forniremo all’Ucraina munizioni, tra cui proiettili perforanti contenenti uranio impoverito. Questi proiettili sono molto efficaci per sconfiggere i moderni carri armati e veicoli corazzati”, ha dichiarato Goldie.
L’uranio impoverito è uno degli elementi piĂą pesanti presenti sul pianeta, deriva da scorie radioattive a basso livello lasciate dalla produzione di combustibile nucleare o di testate nucleari ed è disponibile in grandi quantitĂ . L’uranio impoverito è molto utilizzato nei proiettili anticarro occidentali per garantire una maggiore penetrazione. L’uso di questi proiettili ha conseguenze distruttive per tutto l’ambiente e per l’uomo: le particelle radioattive di uranio impoverito che vengono rilasciate nell’aria possono percorrere piĂą di 40 km dopo ogni sparo e raggiungere facilmente le vie respiratorie, con un tempo di dimezzamento di oltre quattro miliardi di anni.

L’Occidente ha usato tali proiettili contro la Jugoslavia in passato( con piĂą di 22.000 persone sono morte per carcinoma in Serbia) e nel 2004 in Iraq in cui la cittĂ  di Falluja fu bombardata in modo particolarmente pesante con uranio impoverito dalle forze statunitensi.

L’uso di proiettili con uranio impoverito è un chiaro intento di genocidio.

Condividi !

Shares

Il 24 Marzo del 1944, 77 anni fa a Roma, ci fu l’eccidio delle Fosse Ardeatine cioè l’uccisione di 335 civili e militari italiani, prigionieri politici, ebrei o detenuti comuni, trucidati dai nazisti che occupavano la capitale.


from Partito Comunista https://ift.tt/hYSwiXM

Il 24 Marzo del 1944, 77 anni fa a Roma, ci fu l’eccidio delle Fosse Ardeatine cioè l’uccisione di 335 civili e militari italiani, prigionieri politici, ebrei o detenuti comuni, trucidati dai nazisti che occupavano la capitale.

Condividi !

Shares

AUMENTANO I PREZZI DI TUTTO MA CI DICONO CHE L’INFLAZIONE DIMINUISCE Continuano a ripeterci che l’inflazione nel nostro paese sta piano piano diminuendo, allo stesso tempo però i cittadini si stanno rendendo conto che i prezzi di tutti i generi continuano a salire. Il governo continua a mentirci parlando di una ripresa che in realtĂ  non esiste. L’Istat dice che “Il rallentamento dell’inflazione si deve, in primo luogo all’accentuarsi della flessione su base tendenziale dei prezzi dei Beni energetici regolamentati (da -12,0% a -16,4%) e alla decelerazione di quelli degli Energetici non regolamentati (da +59,3% a +40,8%)”. Il problema però è che a febbraio l’inflazione si è come “sdoppiata”. Una è quella dell’indice medio dei prezzi, l’altra è quella dei prezzi dei beni di maggior consumo, in particolare gli alimentari, quello che viene definito come il “carrello della spesa”. Se fino ad ora i due andamenti sembravano procedere parallelamente, (entrambi in lento rallentamento), anche se con i prezzi del carrello della spesa di circa un punto sopra l’indice generale, da febbraio però mentre la curva dell’indice generale ha continuato a scendere, la curva del prezzi dei beni piĂą necessari ha continuato a salire, toccando un +12,7%. Ciò significa, come sempre nel nostro paese, che l’inflazione ricade sempre sulle persone con i reddito piĂą bassi. In piĂą, se si osserva il “carrello della spesa” e ai beni di largo consumo nel loro complesso,l’inflazione arriva fino al del 16% secondo quanto rilevato dall’analisi mensile della Nielsen.


from Partito Comunista https://ift.tt/Hfz4Woa

AUMENTANO I PREZZI DI TUTTO
MA CI DICONO CHE L’INFLAZIONE DIMINUISCE

Continuano a ripeterci che l’inflazione nel nostro paese sta piano piano diminuendo, allo stesso tempo però i cittadini si stanno rendendo conto che i prezzi di tutti i generi continuano a salire.
Il governo continua a mentirci parlando di una ripresa che in realtĂ  non esiste.

L’Istat dice che “Il rallentamento dell’inflazione si deve, in primo luogo all’accentuarsi della flessione su base tendenziale dei prezzi dei Beni energetici regolamentati (da -12,0% a -16,4%) e alla decelerazione di quelli degli Energetici non regolamentati (da +59,3% a +40,8%)”.

Il problema però è che a febbraio l’inflazione si è come “sdoppiata”. Una è quella dell’indice medio dei prezzi, l’altra è quella dei prezzi dei beni di maggior consumo, in particolare gli alimentari, quello che viene definito come il “carrello della spesa”.
Se fino ad ora i due andamenti sembravano procedere parallelamente, (entrambi in lento rallentamento), anche se con i prezzi del carrello della spesa di circa un punto sopra l’indice generale, da febbraio però mentre la curva dell’indice generale ha continuato a scendere, la curva del prezzi dei beni più necessari ha continuato a salire, toccando un +12,7%.
Ciò significa, come sempre nel nostro paese, che l’inflazione ricade sempre sulle persone con i reddito piĂą bassi. In piĂą, se si osserva il “carrello della spesa” e ai beni di largo consumo nel loro complesso,l’inflazione arriva fino al del 16% secondo quanto rilevato dall’analisi mensile della Nielsen.

Condividi !

Shares
đź”´ IV CONGRESSO DEL PARTITO COMUNISTA RAFFORZARE – UNIRE – ALLARGARE

đź”´ IV CONGRESSO DEL PARTITO COMUNISTA RAFFORZARE – UNIRE – ALLARGARE

from Partito Comunista https://ift.tt/UcfkVem

đź”´ IV CONGRESSO DEL PARTITO COMUNISTA
RAFFORZARE – UNIRE – ALLARGARE

Sabato 25 Marzo ore 15 Aperto a tutti
Il Partito Comunista e la lotta all’Unione Europea e NATO
Con:
đź”´Marco RIZZO Presidente Onorario
đź”´Alberto LOMBARDO Segretario generale

đź”´Con la partecipazione e i saluti di delegazioni, delle ambasciate e dei Partiti Comunisti

Condividi !

Shares

Lo avrai camerata Kesselring il monumento che pretendi da noi italiani ma con che pietra si costruirà a deciderlo tocca a noi. Non coi sassi affumicati dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio non colla terra dei cimiteri dove i nostri compagni giovinetti riposano in serenità non colla neve inviolata delle montagne che per due inverni ti sfidarono non colla primavera di queste valli che ti videro fuggire. Ma soltanto col silenzio del torturati più duro d’ogni macigno soltanto con la roccia di questo patto giurato fra uomini liberi che volontari si adunarono per dignità e non per odio decisi a riscattare la vergogna e il terrore del mondo. Su queste strade se vorrai tornare ai nostri posti ci ritroverai morti e vivi collo stesso impegno popolo serrato intorno al monumento che si chiama ora e sempre RESISTENZA OGGI COME IERI VIA L’INVASORE. FUORI DA UE, EURO E NATO. ROMA, I LAVORATORI E IL POPOLO ITALIANO NON SI PIEGANO!


from Partito Comunista https://ift.tt/uMH7nhQ

Lo avrai
camerata Kesselring
il monumento che pretendi da noi italiani
ma con che pietra si costruirĂ 
a deciderlo tocca a noi.
Non coi sassi affumicati
dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio
non colla terra dei cimiteri
dove i nostri compagni giovinetti
riposano in serenitĂ 
non colla neve inviolata delle montagne
che per due inverni ti sfidarono
non colla primavera di queste valli
che ti videro fuggire.

Ma soltanto col silenzio del torturati
più duro d’ogni macigno
soltanto con la roccia di questo patto
giurato fra uomini liberi
che volontari si adunarono
per dignitĂ  e non per odio
decisi a riscattare
la vergogna e il terrore del mondo.
Su queste strade se vorrai tornare
ai nostri posti ci ritroverai
morti e vivi collo stesso impegno
popolo serrato intorno al monumento
che si chiama
ora e sempre
RESISTENZA

OGGI COME IERI VIA L’INVASORE. FUORI DA UE, EURO E NATO.
ROMA, I LAVORATORI E IL POPOLO ITALIANO NON SI PIEGANO!

Condividi !

Shares

L’ITALIA AUMENTA LE SPESE MILITARI A RIMETTERCI SARANNO I CITTADINI Il governo italiano incurante dei bisogni del proprio popolo, che a causa del caro-vita, dell’aumento dei carburanti e gas rischia sempre di piĂą di finire in povertĂ , aumenta le spese militari annue di ben 800 MILIONI. Ancora in crescita quindi la spesa militare italiana. La stima preliminare registra un aumento di oltre 800 milioni di euro. Si passa infatti dai 25,7 miliardi previsionali del 2022 ai 26,5 miliardi stimati per il prossimo anno. Voce fondamentale della spesa militare (da anni molto rilevante) sono i costi per le missioni militari all’estero, finanziate con fondi del Mef poi trasferiti alla Difesa. Nel 2023 saranno oltre 1,5 miliardi di euro (in crescita di 150 milioni rispetto all’anno precedente) di cui il 90% (cioè quasi 1,4 miliardi) possono essere ascritti a funzioni militari dirette. Rimangono sugli alti livelli giĂ  registrati nel 2022 (oltre 8 mld) gli investimenti per nuovi armamenti: l’aumento nell’ambito del bilancio del ministero della Difesa viene compensato da una quasi equivalente diminuzione delle risorse indirette dall’ex Ministero dello sviluppo


from Partito Comunista https://ift.tt/QyGblM6

L’ITALIA AUMENTA LE SPESE MILITARI
A RIMETTERCI SARANNO I CITTADINI

Il governo italiano incurante dei bisogni del proprio popolo, che a causa del caro-vita, dell’aumento dei carburanti e gas rischia sempre di piĂą di finire in povertĂ , aumenta le spese militari annue di ben 800 MILIONI.

Ancora in crescita quindi la spesa militare italiana. La stima preliminare registra un aumento di oltre 800 milioni di euro. Si passa infatti dai 25,7 miliardi previsionali del 2022 ai 26,5 miliardi stimati per il prossimo anno.
Voce fondamentale della spesa militare (da anni molto rilevante) sono i costi per le missioni militari all’estero, finanziate con fondi del Mef poi trasferiti alla Difesa. Nel 2023 saranno oltre 1,5 miliardi di euro (in crescita di 150 milioni rispetto all’anno precedente) di cui il 90% (cioè quasi 1,4 miliardi) possono essere ascritti a funzioni militari dirette. Rimangono sugli alti livelli già registrati nel 2022 (oltre 8 mld) gli investimenti per nuovi armamenti: l’aumento nell’ambito del bilancio del ministero della Difesa viene compensato da una quasi equivalente diminuzione delle risorse indirette dall’ex Ministero dello sviluppo

Condividi !

Shares

PARIGI LOTTA L’ITALIA RESTA A GUARDARE Non si può che dare la piena solidarietĂ  al popolo francese che negli ultimi mesi ha dato dimostrazione di cosa sia veramente la lotta per i propri diritti. “60 anni è giĂ  troppo tardi”, questo è quello che si legge sugli striscioni dei manifestanti francesci che si stanno battendo contro la legge sulla riforma delle pensioni che prevede l’innalzamento dell’etĂ  pensionabile dai 62 ai 64 anni. Le proteste vanno avanti da mesi e duri sono stati gli scontri con le forze dell’ordine (non toccate dalla riforma) che stanno brutalmente reprimendo le manifestazioni di dissenso nel silenzio totale dei media occidentali. Lo stesso silenzio osservato sulle modalitĂ  di Macron che ha deciso di approvare la riforma senza il voto del Parlamento con una forzatura costituzionale che ha pochi precedenti nella storia francese. Nel nostro paese invece, nel nome di “ce lo chiede l’Europa” e dell’austerity, il popolo ha accettato senza protestare l’andare in pensione a quasi 70 anni con importi spesso al limite del ridicolo, il tutto con con la complicitĂ  dei sindacati, della Fornero e di tutti i partiti da sinistra a destra che hanno deciso di sacrificare i diritti sociali in nome di Bruxelles.


from Partito Comunista https://ift.tt/TujcIVS

PARIGI LOTTA
L’ITALIA RESTA A GUARDARE

Non si può che dare la piena solidarietà al popolo francese che negli ultimi mesi ha dato dimostrazione di cosa sia veramente la lotta per i propri diritti.

“60 anni è giĂ  troppo tardi”, questo è quello che si legge sugli striscioni dei manifestanti francesci che si stanno battendo contro la legge sulla riforma delle pensioni che prevede l’innalzamento dell’etĂ  pensionabile dai 62 ai 64 anni.

Le proteste vanno avanti da mesi e duri sono stati gli scontri con le forze dell’ordine (non toccate dalla riforma) che stanno brutalmente reprimendo le manifestazioni di dissenso nel silenzio totale dei media occidentali.

Lo stesso silenzio osservato sulle modalitĂ  di Macron che ha deciso di approvare la riforma senza il voto del Parlamento con una forzatura costituzionale che ha pochi precedenti nella storia francese.

Nel nostro paese invece, nel nome di “ce lo chiede l’Europa” e dell’austerity, il popolo ha accettato senza protestare l’andare in pensione a quasi 70 anni con importi spesso al limite del ridicolo, il tutto con con la complicitĂ  dei sindacati, della Fornero e di tutti i partiti da sinistra a destra che hanno deciso di sacrificare i diritti sociali in nome di Bruxelles.

Condividi !

Shares

RYANAIR CONTRO IL DIRITTO ALLO SCIOPERO Il colosso aereo lowcost irlandese Ryanair si scaglia contro i lavoratori in sciopero e lancia una petizione contro gli scioperi indirizzata alla commissione e al parlamento europeo. La petizione chiede che siano protetti i i voli francesi durante gli scioperi dell’ATC Chiede ancora che sia consentito agli altri controllori di volo europei di gestire i voli sulla Francia durante lo sciopero dei controllori di volo francesi. E infine che sia imposto ai sindacati dei controllori di volo francesi di sottoporsi a un arbitrato vincolante prima di indire scioperi. In pratica si chiede di limitare il diritto di sciopero dei controllori di volo francesi e loro sacrosanta battaglia per gli aumenti salariali e migliori condizioni di lavoro, nonchĂ© contro l’attacco alle pensioni da parte di Macron. E’ inaccettabile che venga attaccato in questo modo il diritto allo sciopero e il diritto ad avere condizioni migliori di lavoro con mezzi degni dei padroni della fine dell’800.


from Partito Comunista https://ift.tt/8Uls5Bu

RYANAIR CONTRO IL DIRITTO ALLO SCIOPERO

Il colosso aereo lowcost irlandese Ryanair si scaglia contro i lavoratori in sciopero e lancia una petizione contro gli scioperi indirizzata alla commissione e al parlamento europeo.

La petizione chiede che siano protetti i i voli francesi durante gli scioperi dell’ATC Chiede ancora che sia consentito agli altri controllori di volo europei di gestire i voli sulla Francia durante lo sciopero dei controllori di volo francesi. E infine che sia imposto ai sindacati dei controllori di volo francesi di sottoporsi a un arbitrato vincolante prima di indire scioperi.

In pratica si chiede di limitare il diritto di sciopero dei controllori di volo francesi e loro sacrosanta battaglia per gli aumenti salariali e migliori condizioni di lavoro, nonchĂ© contro l’attacco alle pensioni da parte di Macron.

E’ inaccettabile che venga attaccato in questo modo il diritto allo sciopero e il diritto ad avere condizioni migliori di lavoro con mezzi degni dei padroni della fine dell’800.

Condividi !

Shares

L’ITALIA ADDESTRA I SOLDATI UCRAINI L’Italia entra attivamente in guerra addestrando i soldati ucraini a combattere proprio all’interno dei nostri confini, fino ad ora si era “limitata” ad inviare denaro e armi violando l’articolo 11 della nostra Costituzione ma non si era ancora spinta fino a questo punto. I militari ucraini, sono arrivati nella base militare italiana di Sabaudia all’inizio di marzo e avrebbero giĂ  completato l’addestramento al funzionamento del sistema SAMP-T SAM. Dopo il corso presso la base militare italiana, dove i soldati ucraini sono stati addestrati sui simulatori, sarĂ  previsto il loro trasferimento in Sardegna. L’Italia si è impegnata a consegnare i sistemi di difesa missilistica SAMP-T all’Ucraina, insieme alla Francia, entro la fine della primavera. La maggioranza degli italiani è contrario all’intervento del nostro paese in questa guerra, il nostro governo però non tiene in considerazione il volere del popolo e continua nel suo servilismo totale verso gli USA, la NATO e l’UE, questa volta entrando attivamente in guerra.


from Partito Comunista https://ift.tt/Z50YU8M

L’ITALIA ADDESTRA I SOLDATI UCRAINI

L’Italia entra attivamente in guerra addestrando i soldati ucraini a combattere proprio all’interno dei nostri confini, fino ad ora si era “limitata” ad inviare denaro e armi violando l’articolo 11 della nostra Costituzione ma non si era ancora spinta fino a questo punto.

I militari ucraini, sono arrivati nella base militare italiana di Sabaudia all’inizio di marzo e avrebbero giĂ  completato l’addestramento al funzionamento del sistema SAMP-T SAM. Dopo il corso presso la base militare italiana, dove i soldati ucraini sono stati addestrati sui simulatori, sarĂ  previsto il loro trasferimento in Sardegna.

L’Italia si è impegnata a consegnare i sistemi di difesa missilistica SAMP-T all’Ucraina, insieme alla Francia, entro la fine della primavera.
La maggioranza degli italiani è contrario all’intervento del nostro paese in questa guerra, il nostro governo però non tiene in considerazione il volere del popolo e continua nel suo servilismo totale verso gli USA, la NATO e l’UE, questa volta entrando attivamente in guerra.

Condividi !

Shares

GLI USA PREPARANO L’ATTACCO ANCHE AL MESSICO L’imperialismo statunitense non risparmia nessun Paese e attaccano chiunque non sia perfettamente allineato al loro pensiero e non sia piegato agli interessi dell’imperialismo a stelle e strisce. Questa volta è il turno del Messico, che a differenza degli Stati che compongono l’UE ha deciso di non essere piĂą una colonia a tutti gli effetti degli USA, così sembrano ripetersi gli eventi che portarono ai cambi di Governo come successe in Cile, in Nicaragua o in ultimo quello fallito in Venezuela o quelli in Bolivia e PerĂą, per normalizzare quello che gli Stati Uniti considerano il loro “cortile di casa”. Il motivo delle crescenti tensioni tra i due Stati sarebbe quello della lotta ai cartelli messicani della droga, con un intervento diretto degli statunitensi sul suolo messicano per limitarne il traffico. Questa è l’ennesima scusa che viene adottata da Washington che finanzia golpe e rivoluzioni colorate contro il governo progressista messicano giustificandone l’invasione a tutti gli effetti. Il presidente Obrador da CittĂ  del Messico ha ribadito: “Il Messico è un Paese libero e indipendente, non una colonia o un protettorato degli USA!”. NOI STIAMO COL LEGITTIMO GOVERNO MESSICANO YANKEE GO HOME!


from Partito Comunista https://ift.tt/Dp1yHx2

GLI USA PREPARANO L’ATTACCO ANCHE AL MESSICO

L’imperialismo statunitense non risparmia nessun Paese e attaccano chiunque non sia perfettamente allineato al loro pensiero e non sia piegato agli interessi dell’imperialismo a stelle e strisce.
Questa volta è il turno del Messico, che a differenza degli Stati che compongono l’UE ha deciso di non essere piĂą una colonia a tutti gli effetti degli USA, così sembrano ripetersi gli eventi che portarono ai cambi di Governo come successe in Cile, in Nicaragua o in ultimo quello fallito in Venezuela o quelli in Bolivia e PerĂą, per normalizzare quello che gli Stati Uniti considerano il loro “cortile di casa”.

Il motivo delle crescenti tensioni tra i due Stati sarebbe quello della lotta ai cartelli messicani della droga, con un intervento diretto degli statunitensi sul suolo messicano per limitarne il traffico.
Questa è l’ennesima scusa che viene adottata da Washington che finanzia golpe e rivoluzioni colorate contro il governo progressista messicano giustificandone l’invasione a tutti gli effetti.

Il presidente Obrador da CittĂ  del Messico ha ribadito: “Il Messico è un Paese libero e indipendente, non una colonia o un protettorato degli USA!”.

NOI STIAMO COL LEGITTIMO GOVERNO MESSICANO
YANKEE GO HOME!

Condividi !

Shares