Lettera di ringraziamento al Presidente della Repubblica di Cuba ed al Primo Segretario del Partito Comunista di Cuba

23 Marzo 2020 di

Al Presidente della Repubblica di Cuba
Miguel Díaz-Canel.
Al Primo Segretario del Partito Comunista di Cuba
Raúl Castro.

Cari compagni,
a nome del Comitato Centrale e di tutto il Partito vogliamo ringraziarVi.
Poche ore fa è arrivato in Italia il gruppo di medici della sanità cubana, inviati dal Vostro Paese con il Ministero di Salute Pubblica, per aiutare il lavoro del nostro sistema sanitario pubblico in questo momento di così grave emergenza nazionale.
Dopo anni di tagli alla spesa sanitaria pubblica il nostro sistema sanitario è oggi in grande difficoltà, nonostante l’abnegazione ed il lavoro incessante dei medici e dei lavoratori della sanità che anche oggi sono in trincea contro il Coronavirus.
Cuba Socialista. Una piccola isola strangolata per anni dal blocco economico totale della più grande potenza del mondo. Una delle nazioni che sta dando una grande lezione di solidarietà e umanità. I vostri medici hanno curato malati in 64 paesi del mondo. Grazie all’insegnamento del comandante Fidel, testimonianza del valore e della superiorità della società Socialista.

Carissimi compagni,
Portate a Cuba dall’Italia il nostro abbraccio fraterno ai Vostri medici straordinari, al Partito Comunista e al popolo di Cuba, a tutti quelli cioè, che in questi anni hanno lavorato per il mantenimento della società e della patria socialista contro tutti gli attacchi. Da sessant’anni siete un esempio e una risorsa inestimabile per tutti i popoli del mondo.
Ancora grazie, oggi siamo ancora più uniti nella costruzione di un mondo di pace e di uguaglianza sociale.

Oggi grazie a Voi, anche in Italia si è capito che il capitalismo fornisce il superfluo, mentre il socialismo dà il necessario. Fraterni saluti.

Marco Rizzo

Roma 23 marzo 2020

Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email
    RUBRICHE, Internazionale

    Autore

    L'autore non ha ancora aggiunto informazioni al suo profilo
    Commenti Chiusi.