RIZZO (PC): «IL GOVERNO NON E’ IN GRADO DI TUTELARE I LAVORATORI. SERVONO ESPROPRI»

06 Giugno 2019 di

«Ci sono 300.000 posti di lavoro a rischio in Italia, e questo governo non è in grado di tutelare i lavoratori. Non servono comunicati e tweet ma una vera politica di rottura con gli interessi delle multinazionali e della Confindustria, anche a partire dall’esproprio delle aziende. I lavoratori devono avere coscienza che con queste regole non c’è futuro. Serve una controffensiva operaia». Così Marco Rizzo, segretario del Partito Comunista. «Lo Stato e i lavoratori hanno dato abbastanza, con cassa integrazione, incentivi, contratti di solidarietà, riduzione dei salari a livelli da fame e cancellazione dei diritti. Questa strategia non porta nessun vantaggio ai lavoratori, ma fa solo ingrassare i profitti dei privati. Le multinazionali sanno di essere più forti degli Stati e non rispettano nessun accordo, come fa Arcelor Mittal dopo il regalo dell’Ilva, e con lei atre decine di società. Serve il pugno duro: le aziende che delocalizzano e che non rispettano gli accordi vanno espropriate e affidate ai lavoratori, non c’è altra soluzione per tutelare i posti di lavoro. Anche la Costituzione prevede questa possibilità. Se lasciamo – conclude Rizzo – che il libero mercato faccia da sé il risultato sarà continuare a concentrare le ricchezze in poche mani, a fronte di povertà e disoccupazione per tutti. I lavoratori devono comprendere che non c’è futuro nel capitalismo per loro».

Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email

    Share and Enjoy !

    Shares
    RUBRICHE

    Autore

    L'autore non ha ancora aggiunto informazioni al suo profilo

    Una Risposta a “RIZZO (PC): «IL GOVERNO NON E’ IN GRADO DI TUTELARE I LAVORATORI. SERVONO ESPROPRI»”