Rizospastis (giornale del KKE) sull’incontro con CSP. Edizione della domenica con diffusione militante.

16 Ottobre 2011 di

http://www2.rizospastis.gr/page.do?publDate=16/10/2011&id=13729&pageNo=5&direction=1

(traduzione Giorgio Apostolous)

KKE – COMUNISTI / SINISTRA POPOLARE

SCAMBIO DI ESPERIENZA DI LOTTA E DI DEDUZIONI

PER LA STRATEGIA DEI COMUNISTI

Si è  conclusa con successo la visita di due giorni della delegazione del Comitato Centrale del KKE con a capo Dimitris Arvanitakis, membro dell’ Ufficio Politico, su invito del Partito “Comunisti-Sinistra Popolare”.

La visita ha avuto luogo il 7-8 Ottobre a Roma.

La delegazione del KKE ha avuto l’occasione di discutere gli sviluppi della situazione in Grecia e le lotte dei comunisti e del movimento operaio di classe e, contemporaneamente  è stata aggiornata in merito agli sviluppi della crisi capitalista  in Italia e sulla situazione del movimento comunista ed operaio nel paese.

I “Comunisti – Sinistra Popolare” costituiscono un partito relativamente nuovo, che è sorto nel 2009 dopo il distacco di una parte di membri e dirigenti dal Partito dei Comunisti Italiani in dissenso con le scelte di questo partito e della Rifondazione, con l’obiettivo della costruzione del Partito Comunista.

Difendono il socialismo che abbiamo conosciuto e si contrappongono all’ Unione Europea e alla NATO. Rifiutano la collaborazione con la socialdemocrazia nonché l’inserimento nei vari fronti “antiberlusconiani” – “antidestra” nei quali concorrono sia il PdCI che il PRC .

I “Comunisti-Sinistra Popolare” hanno rifiutato la loro adesione alla cosiddetta“ Federazione della Sinistra” , fondata principalmente dai Comunisti Italiani e da Rifondazione,  che rappresenta un veicolo di collaborazione  con la socialdemocrazia in nome della cosiddetta “ Unità della Sinistra”.

Sabato 8 Ottobre si è svolta a Roma una manifestazione particolarmente partecipata  con oratori  principali Dimitris Arvanitakis e il Segretario Nazionale dei “Comunisti-Sinistra Popolare”  Marco Rizzo, sull’argomento:

“ Atene chiama, Roma risponde.

Fuori dall’ Unione Europea,

Fuori dalla NATO,

contro il capitalismo per il socialismo”

COMUNICATO CONGIUNTO

 

Il Partito Comunista di Grecia (KKE) e il partito italiano Comunisti Sinistra Popolare (CSP), dopo un incontro bilaterale tra le delegazioni dei due partiti, tenutosi a Roma l’8 ottobre nell’ambito dello sviluppo delle loro relazioni bilaterali e dopo una dettagliata discussione sulla crisi capitalistica, che si sta approfondendo in entrambi i paesi e a livello mondiale, sono pervenuti alle seguenti valutazioni:

 

1. La crisi capitalistica di sovrapproduzione si sta acutizzando ed approfondendo e questo rende il capitale ancora più aggressivo. Le borghesie dei nostri paesi e i loro governi, sia quello socialdemocratico in Grecia che quello liberale in Italia, insieme alla UE, al FMI e alla BCE, hanno lanciato un barbaro attacco contro la classe operaia e gli altri ceti popolari con la scusa della crisi, del deficit e del debito. Sia in Grecia con il memorandum che in Italia senza di esso, le classe dominante in ciascun paese cerca di obbligare la classe operaia e gli altri ceti popolari a pagare gli oneri della crisi. Le condizioni richiedono lo sviluppo di un movimento operaio e di popolo, bene organizzato e con orientamento di classe, che sappia resistere all’assalto del capitale, impedire le politiche antipopolari, lottare per l’uscita dalla UE, creando le condizioni per abbattere il sistema sfruttatore capitalistico per la costruzione del socialismo. La crisi capitalistica mette in risalto i limiti storici del capitalismo, l’importanza del potere socialista, del potere della classe operaia, della socializzazione dei mezzi di produzione, della pianificazione centralizzata e del controllo operaio. Oggi i popoli devono comprendere più a fondo che l’umanizzazione del capitalismo e l’illusione che i monopoli e il mercato capitalistico possano essere controllati sono un inganno.

 

2.  Inoltre, entrambi i Partiti concordano sul fatto che i popoli abbiano già accumulato esperienze negative sia dai governi di centrosinistra che da altri governi di “sinistra” di “coalizioni democratiche” con forze borghesi che aiutano la socialdemocrazia a realizzare la propria politica antioperaia e antipopolare a sostegno del capitale. I partiti comunisti devono sviluppare l’opposizione e la resistenza senza compromessi, difendendo con decisione gli interessi del popolo.

 

3. I nostri Partiti rilevano come l’intensità dell’aggressività imperialistica stia crescendo in condizioni di crisi capitalistica e condannano i piani e gli interventi imperialistici, come quello recente contro la Libia, approvato da una ONU asservita agli interessi dell’imperialismo, mascherati da presunti intenti umanitari. In considerazione di questo, entrambi i Partiti lottano affinché i rispettivi paesi escano dalla NATO, uno dei principali strumenti di aggressione, con l’obbiettivo del suo definitivo smantellamento e per la chiusura di qualsiasi base militare straniera sui loro territori. Entrambi i Partiti ribadiscono la loro concezione delle relazioni internazionali, basata sul diritto dei popoli a scegliersi il proprio futuro senza ingerenze imperialiste. I nostri Partiti sostengono inoltre con vigore il diritto del popolo palestinese ad avere un proprio stato entro i confini del 1967.

 

4.  Il KKE e CSP ribadiscono il proprio impegno a promuovere l’attività congiunta, il ricompattamento del movimento dei lavoratori, lo sviluppo di un coordinamento più efficace del Movimento Comunista Internazionale, apportando il proprio contributo alla lotta contro l’opportunismo e il riformismo. Inoltre, promuoveranno coerenti posizioni marxiste-leniniste, in modo che i Partiti possano guidare con successo il processo rivoluzionario, per la formazione dell’alleanza di popolo per abbattere il potere del capitale e costruire il socialismo nei propri paesi.

 

 

 

 

 

Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email
    RUBRICHE

    Autore

    L'autore non ha ancora aggiunto informazioni al suo profilo
    Commenti Chiusi.