Appello del Movimento Donne di Serbia: No al Summit della NATO a Belgrado

10 Giugno 2011 di

Appello del Movimento Donne di Serbia: No al Summit della NATO a Belgrado

La NATO, Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord, ha annunciato la sua intenzione di riunirsi a Belgrado il 13, 14 e 15 giugno.
Il Movimento Ženes, Donne di Serbia, richiede al governo di cancellare il summit. Se il governo non annullerà l’incontro, il Movimento Ženes lancerà un appello a tutti i cittadini affinché si mobilitino e manifestino la loro opposizione a ciò che, per il popolo serbo, rappresenta una offesa e una provocazione.

Per quanto riguarda l’aspetto formale, le date scelte coincidono (a distanza di quasi due giorni) col dodicesimo anniversario della fine (11 giugno 1999) dei bombardamenti della NATO contro la Serbia. Esse segnano il periodo degli “accordi di Kumanovo”, un inganno che ha permesso alla NATO di entrare in Kosovo e di imporre la risoluzione 1244 dell’ONU, violata dai paesi della NATO, avendo questi riconosciuto successivamente una “indipendenza” del Kosovo che non era stata inclusa nella risoluzione.
L’incontro che si terrà a Belgrado, avviene quando la NATO bombarda la Libia, uno stato sovrano e indipendente che, come la Serbia, non aveva fatto nulla, e uccide impunemente le sue donne e i suoi bambini, distrugge le infrastrutture e rovina l’intero paese. È quindi doppiamente simbolico il periodo che i tirapiedi di Washington e di Bruxelles hanno scelto per stendere il tappeto rosso all’organizzazione terroristica del Nord Atlantico (NATO).
Nel merito, la NATO è un’organizzazione che ha mai perseguito l’obiettivo di proteggere la popolazione europea, ma ha sempre servito gli interessi politico-militari degli USA e del mondo anglossassone.
Ieri, la Nato giustificava la sua esistenza con “minaccia sovietica” e con l’esistenza del “Patto di Varsavia”. La minaccia sovietica non esiste più, se davvero è mai esistita, e il Patto di Varsavia è stato sciolto 31 marzo 1991.
In seguito, muovendosi alla conquista dell’Europa orientale e dell’Eurasia, la NATO ha mostrato il suo vero volto, che non è quello di un’alleanza di difesa delle democrazie occidentali, ma quella di uno strumento di conquista degli Stati Uniti.
Ieri la Nato ha attaccato selvaggiamente la Serbia, uccidendo migliaia di suoi cittadini e ferendone decine di migliaia. Dodici anni dopo, per i 78 giorni di bombardamenti, i serbi continuano a morire, avvelenati dalle munizioni all’uranio impoverito e dalle armi biologiche e batteriologice utilizzate.
Oggi il Movimento Ženes chiede all’attuale governo di ritornare sulla propria decisione di ospitare in territorio serbo l’infame riunione prevista per il 13, 14 e 15 giugno. La maggioranza dei cittadini è contro l’entrata della Serbia nella NATO, così come si oppone all’entrata della NATO in Serbia.
Se questo incontro si svolgerà, il Movimento Ženes aderirà al vasto movimento popolare di protesta e di opposizione che sicuramente si svilupperà.
L’esigenza dei Patrioti e di tutti i cittadini che amano la libertà e la pace è chiara: la cancellazione della riunione della NATO e la mobilitazione dei cittadini.
– No all’ingresso della Serbia nella NATO!
– Nessun accesso alla NATO in Serbia!
                 Mila Aleckovic Nikolic, presidente del Movimento Ženes

A cura del Forum Belgrado Italia –

Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email
    RUBRICHE

    Autore

    L'autore non ha ancora aggiunto informazioni al suo profilo

    2 Risposte a “Appello del Movimento Donne di Serbia: No al Summit della NATO a Belgrado”

    1. mj23 dice:

      Mi tolgo il cappello davanti a queste donne. La resistenza della nazione serba alla prepotenza della NATO, degli Stati Uniti e dell’Unione Europea dei banchieri deve essere maggiormente supportata da tutti coloro che hanno a cuore il futuro del continente. Ancora una volta, nonostante un governo moribondo e asservito all’arroganza occidentale, questo popolo eroico, che nel corso della sua travagliatissima esistenza ha dovuto fronteggiare aggressioni selvagge e tragedie inenarrabili, rappresenta, come sempre è accaduto negli ultimi secoli, la principale avanguardia europea alla tracotanza imperialista. Stiamo al suo fianco con forza e convinzione, non permettiamo che per l’ennesima volta venga lasciato solo contro tutti!

    2. Cominform dice:

      Il Patto di Varsavia non solo è stato sciolto nel 1991, ma è stato creato una decina di anni dopo la costituzione della NATO..

      La ‘difesa’ dalla ‘minaccia sovietica’, è SEMPRE stata una palese menzogna fin dalle origini.

      L’unica cosa che voglio puntualizzare è che dalle conquiste coloniali della NATO il proletariato italiano non ha tratto e non trae ALCUN vantaggio. Anzi, al contrario, riducendo i serbi alla fame e costringendoli a vendersi per pochi euro in Italia e in Patria (Marchionne minaccia sempre di spostare le fabbriche in Serbia..), peggiora oggettivamente il contesto in cui si svolgono le lotte operaie in Italia.

      Chi trae vantaggio dall’invasione neocoloniale della Serbia
      sono i Marchionne, I Moratti, i John Elkann etc etc..
      Cioè la Borghesia non certo il Proletariato italiano.

    Lascia un Commento