RIZZO (PC): «NESSUNA SICUREZZA NEL DECRETO, SOLO STRETTA REPRESSIVA»

25 settembre 2018 di

«La sicurezza non c’entra nulla, il decreto Salvini è un regalo ai potenti con una durissima stretta repressiva sulle lotte sociali. Dietro l’abbaglio del contrasto all’immigrazione, si nasconde il vero volto di questo governo, completamente al servizio del grande capitale». Così Marco Rizzo, segretario del Partito Comunista. «Una manifestazione non autorizzata potrà essere punita anche con sei anni di carcere, mentre chi truffa lo Stato al massimo ha una pena di tre. L’occupazione di una fabbrica per difendere il proprio posto di lavoro, o di un edificio costerà fino a tre anni di reclusione, un bel regalo per i padroni che delocalizzano. La stretta contro le occupazioni, senza una politica abitativa del governo è anch’essa un regalo alla rendita. Infine – conclude Rizzo – non ci sono provvedimenti contro l’immigrazione, ma contro gli immigrati e in particolar modo contro i lavoratori immigrati. Se una lotta diventa reato e toglie la possibilità anche ai tuoi familiari di avere la cittadinanza, chiunque ci penserà due volte prima di lottare per i propri diritti. Una chiara dimostrazione di come la Lega strumentalizzi la lotta tra poveri a tutto vantaggio dei capitalisti».

Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email
    Politica e Idee

    Autore

    L'autore non ha ancora aggiunto informazioni al suo profilo
    Commenti Chiusi.