L’Europarlamento vota contro Orban. Ma l’Unione Europea ne è la causa.

13 settembre 2018 di

«Il voto favorevole del gruppo europarlamentare del Partito Comunista di Grecia alla risoluzione del Parlamento Europeo sul Governo Orban è una presa di posizione contro la politica anticomunista del governo ungherese, la sua politica razzista contro rifugiati e immigrati e tutti i tipi di discriminazione razziale.

Il KKE combatte costantemente da molti anni l’Unione Europea e la sua politica antipopolare, ha votato contro l’Unione Europea, non la riconosce, ma ha sempre condannato il suo intervento negli affari interni dei paesi membri e dimostrato nei fatti che l’Unione Europea è un’associazione internazionale contro i popoli.

La risoluzione contro il Governo Orban e i riferimenti agli immigrati e ai rifugiati non possono rimuovere la politica anti-immigrati dell’Unione Europea, il suo coinvolgimento nelle guerre imperialiste che crea e alimenta immigrazione e flussi di rifugiati.

L’Unione Europea ha adottato l’anticomunismo come ideologia ufficiale trascurando la verità storica e avendo grandi responsabilità per l’ascesa dell’estrema destra».

*Dichiarazione di voto letta da Sotiris Zarianopoulos, europarlamentare del KKE e rappresentante dell’Iniziativa dei Partiti Comunisti e Operai d’Europa al Parlamento Europeo.

Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email
    Internazionale, RUBRICHE

    Autore

    L'autore non ha ancora aggiunto informazioni al suo profilo
    Commenti Chiusi.