DA “IL TEMPO” GRAVE PROVOCAZIONE ANTICOMUNISTA

15 febbraio 2018 di

IL TEMPO FB

«Quella de “Il Tempo” è una provocazione anticomunista che non può essere tollerata», così Marco Rizzo, candidato premier e segretario del Partito Comunista (PC), sull’iniziativa del quotidiano che ha lanciato la sottoscrizione a una “Anagrafe nazionale anticomunista”, con tanto di prima pagina dedicata. «L’equiparazione fra comunismo e nazifascismo è un’assurdità storica. In Italia c’è stata una dittatura fascista che è stata combattuta proprio dai partigiani, in maggioranza comunisti; il Terzo Reich fu sconfitto dall’Armata Rossa. Nell’appello de “Il Tempo” si tirano fuori tutte le menzogne anticomuniste, a partire dalla vera e propria assurdità dei 100 milioni di morti, privi di ogni riscontro attendibile, col solo scopo di criminalizzare forze politiche come la nostra. È un’iniziativa utile solo a inquinare il dibattito elettorale. I problemi degli italiani oggi non vengono dai comunisti, ma dalle misure antipopolari votate per anni da centro-destra e centro sinistra. Vorremmo vedere il Tempo esprimersi con la stessa forza contro queste misure, contro i diktat UE e il Patto di Stabilità, contro il potere di banche e grandi imprese. Ma sappiamo che questo non avverrà».

Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email
    Politica e Idee

    Autore

    L'autore non ha ancora aggiunto informazioni al suo profilo
    Commenti Chiusi.