NO ALL’INVIO DI TRUPPE IN LETTONIA.

14 ottobre 2016 di

Relativamente alla decisione del governo italiano di inviare un contingente militare in Lettonia, ai confini con la Russia, l’Ufficio Politico del Partito Comunista ha espresso la seguente posizione:

Il Partito Comunista condanna la decisione del governo italiano di inviare un contingente di truppe militari in Lettonia. Tale scelta scellerata, che si inserisce nell’ambito degli impegni assunti dal vertice NATO di Varsavia è il segno più chiaro dell’inasprirsi di una politica aggressiva che rischia di trascinare il mondo sull’orlo di un nuovo conflitto mondiale. Oggi i lavoratori e le classi popolari devono alzare in alto la bandiera della lotta all’imperialismo e della pace, assumere come parola d’ordine delle proprie lotte l’uscita dell’Italia dalla NATO e lo smantellamento di ogni base militare NATO in territorio italiano, lottando affinché l’Italia non sia coinvolta in scenari militari.

L’inasprirsi dello scontro interimperialistico in atto è evidente. La lotta delle potenze imperialiste per il controllo dei mercati e delle risorse per gli interessi dei rispettivi monopoli conosce oggi una preoccupante escalation. La classe operaia e le classi popolari non hanno nulla da guadagnare da questo scontro. La storia dell’umanità ha dimostrato che sono i capitalisti che guadagnano dalle guerre, mentre i popoli ne subiscono le perdite.

Il movimento comunista nasce da un’opposizione irriducibile alla guerra imperialista, dalla critica alla socialdemocrazia che si pose alla coda degli interessi imperialistici trascinando la classe operaia a fare da “carne da cannone” per gli interessi dei monopoli. Il Partito Comunista chiama i sindacati, le associazioni di massa, la gioventù e tutti coloro che hanno a cuore la lotta contro la guerra a denunciare la scelta del governo italiano chiedendone con forza le immediate dimissioni, ad una vasta mobilitazione per far desistere il governo dalla sua scelta. Il nostro partito nelle scorse settimane aveva partecipato al contro-vertice di Varsavia organizzato dai partiti comunisti e dal movimento internazionale per la pace, denunciando il carattere imperialista del vertice NATO e la preoccupazione per l’inasprimento dello scontro in atto.

L’Italia non deve essere trascinata nel vortice della guerra. Rafforziamo l’opposizione popolare alle misure della NATO, alla politica del governo Renzi e dell’Unione Europea.

Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email
    Internazionale

    Autore

    L'autore non ha ancora aggiunto informazioni al suo profilo
    Commenti Chiusi.