VERGOGNA. LA FIOM-CGIL CON MARCHIONNE CONTRO GLI OPERAI! Dichiarazione di Marco Rizzo, segretario del Partito Comunista.

03 marzo 2016 di

Dichiarazione di Marco Rizzo, segretario del Partito Comunista.

La vicenda di Melfi e di Termoli sta per assumere un epilogo drammatico e assolutamente vergognoso.

Alla  lotta  sacrosanta delle compagne e dei compagni  degli  impianti  della  F.C.A.  del  centro-sud  ( ex-FIAT ) la dirigenza FIOM-CGIL, nel perfetto ed ineffabile connubio Landini-Camusso,  risponde con la più spietata, ma subdola repressione.

Ieri il collegio statutario nazionale della CGIL ha adottato una delibera nella quale si stabilisce l’incompatibilità tra l’appartenenza alla CGIL ed aver partecipato nel mese di maggio 2015 alla costruzione di un coordinamento dei lavoratori FCA del Centro-Sud.

Non  hanno nemmeno  il coraggio (pieni di vergogna come sono) di dire le cose come stanno, e che cioè che si vogliono buttare fuori dall’organizzazione quelle compagne e quei compagni colpevoli di aver espresso i più alti livelli dello scontro di classe in Italia, e inoltre di aver osato intraprendere la strada maestra del coordinamento di lotta tra tutti gli operai contrari alle politiche ed  alle pratiche del duo Marchionne – Renzi,  rappresentativo  dei  peggiori  interessi  antipopolari.

Dalla signora Camusso non ci potevamo aspettare di meno. Qualcuno si aspettava qualcosa di timidamente diverso dall’urlatore Landini, fondatore improbabile di una inconsistente e già fallita coalizione sociale.

Ma i Comunisti avevano visto giusto: come in Grecia con Tsipras, il peggio viene sempre dall’opportunismo!  LA  LOTTA  OPERAIA  NON  SI  FERMERA’  ! AVANTI  DUNQUE,  A FIANCO  DELLE  SUE AVANGUARDIE CORAGGIOSE  ED  INTELLIGENTI! AVANTI  NELLA  COSTRUZIONE  DEL  SINDACALISMO  DI  CLASSE   ANCHE   IN   ITALIA

Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email
    RUBRICHE

    Autore

    L'autore non ha ancora aggiunto informazioni al suo profilo
    Commenti Chiusi.