Comitato Regionale Pugliese.OGGI LE NOSTRE BANDIERE SONO A LUTTO PER LA MORTE DI ALESSANDRO, OPERAIO DELL’ILVA DI TARANTO.

13 giugno 2015 di

Ancora uno… la catene degli infotuni sul lavoro all’Ilva continua. Questa volta è toccato al giovane operaio di 35 anni Alessandro Torricella, dopo 4 giorni di agonia è morto. Un getto di ghisa incandescente lo ha investito mentre misurava la temperatura del foro di colata dell’alto forno n°2.

Non sono serviti 4 giorni di ricovero presso il centro di rianimazione a Bari.

E’ morto un operaio.

Dopo i Riva, la fabbrica è nelle mani del governo italiano ma si continua a morire di infortuni sul lavoro.

I Comunisti della Puglia ribadiscono la necessità di rimuovere ogni elemento di rischio per garantire la sicurezza sul posto di lavoro.

L’Ilva, la fabbrica di inquinamento e di morte, e stata resa tale dalle scellerate politiche di privatizzazione finalizzate al profitto ad ogni costo.

Il Partito Comunista della Puglia esprime il più sincero cordoglio alla famiglia di Alessandro Torricella ed è vicino a tutti i lavoratori ed gli ex lavoratori sopravvissuti all’Ilva, fabbrica di morte che rappresenta in Italia la punta più alta del capitalismo europeo.

Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email
    TERRITORIO

    Autore

    L'autore non ha ancora aggiunto informazioni al suo profilo
    Commenti Chiusi.