ILLUDERE IL POPOLO NE RIDUCE LE CAPACITA’ DI LOTTA.

14 febbraio 2015 di

In queste ore assistiamo in Italia ed in Europa a prese di posizione e manifestazioni in appoggio al governo greco di sinistra/destra di Tsipras. Rispettiamo le persone che sperano di trovare in quelle scelte la soluzione dei gravi ed irreversibili problemi che il capitalismo scarica sui popoli, ma vogliamo spiegare gli errori enormi che si continuano a commettere. La soluzione è quella di trattare su qualche piccolo scalpo elettorale inconsistente o invece mettere sul piatto una crescente mobilitazione delle masse volta a rivoluzionare realmente il sistema capitalistico uscendo dall’oppressione militare della Nato e da quella economica e politica della UE e dell’Euro? I ‘margini del riformismo’, che in modo seppur contraddittorio avevano consentito qualche risultato per le masse negli anni del dopoguerra, sono oggi inesorabilmente esauriti. Illudere il popolo che possa esistere un ‘capitalismo dal volto umano’ è un errore strategico che ne riduce notevolmente le capacità di lotta, aprendo la strada, dopo i fallimenti che si profilano all’orizzonte (le stesse cose che oggi si dicono per Tsipras si erano sentite ieri per Zapatero e per Hollande), alla destra estrema e populista. Non ci stancheremo mai di avvertire questi rischi tanto quanto di continuare ad organizzare in Italia, in Europa e nel mondo la riorganizzazione dei comunisti, con la teoria marxista-leninista e con un coerente ed attuale internazionalismo col quale batter il capitalismo e l’opportunismo della falsa sinistra. CONTRO UE e NATO, PER IL SOCIALISMO!

Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email
    RUBRICHE

    Autore

    L'autore non ha ancora aggiunto informazioni al suo profilo
    Commenti Chiusi.