ONORE E GLORIA AL COMPAGNO PARTIGIANO PAOLO FINARDI “PASTECCA”.

15 luglio 2014 di
Il compagno Paolo Finardi, nome di battaglia “Pastecca”, bergamasco di nascita e milanese di adozione, si e’ spento oggi, 15 luglio, a Brno, in Repubblica Ceca. Giovanissimo partigiano, nell’immediato dopoguerra era entrato nell’organizzazione milanese della Volante Rossa – Martiri Partigiani. All’inizio del 1949 uccise l’impunito assassino di Eugenio Curiel. Aiutato dal PCI a scappare in Cecoslovacchia, vi ha trascorso oltre 65 anni della sua vita. Nel processo contro la Volante Rossa, fu riconosciuto colpevole di omicidio e di associazione a delinquere e condannato all’ergastolo.
Con l’esilio lo aspettavano anni di lavoro nelle cooperative agricole e in fabbrica. Una parentesi tra

il ‘61 e il ‘62, quando partecipo’, inviatovi dal governo cecoslovacco e impiegato nelle ricerche geologiche (agli ordini di Ernesto Che Guevara ministro dell’industria), al processo di costruzione del socialismo cubano. Fu graziato alla fine del 1978 dall’allora Presidente della Repubblica Sandro Pertini.
Una sentenza del 2009, contestualizzando gli episodi per i quali era stato condannato, gli ha concesso la “piena riabilitazione”, restituendogli anche i diritti politici. La sua storia, raccontata nel libro “Ultimi fuochi di Resistenza”, rappresenta il suo testamento politico e la conferma delle convinzioni che nessuna controversia della vita e’ riuscita a scalfire.
Il compagno Pastecca era iscritto dal 2013 a CSP e nel 2014 al Partito Comunista.
Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email
    RUBRICHE

    Autore

    L'autore non ha ancora aggiunto informazioni al suo profilo
    Commenti Chiusi.