ONORE E GLORIA AL GENERALE GIAP. BATTE’ L’IMPERIALISMO, DA DIEN BIEN PHU ALL’OFFENSIVA DEL TET.

05 ottobre 2013 di

Võ Nguyên Giáp, dirigente comunista, fu il capo militare del Viet Minh di Ho Chi Minh e dell’Esercito Popolare Vietnamita.

Giap comandò le forze Viet Minh che liberarono il Vietnam dal dominio coloniale francese nella Guerra d’Indocina Come comandante del PAVN del Vietnam del Nord combatté le forze statunitensi e sudvietnamite nella Guerra del Vietnam. Dopo la riunificazione, prestò servizio come Ministro della Difesa vietnamita

Giap nacque in una regione povera del Vietnam centrale. Nel 1933 si iscrisse all’Università di Hanoi, dove si laureò in legge e fu qui che studiò per la prima volta le opere di Marx, Engel e Napoleone . Entusiasmato da tali letture, divenne comunista e poco dopo si iscrisse al Partito Comunista Indocinese, fondato da pochissimo.

Nel 1939, anno in cui il Partito Comunista Indocinese fu messo al bando dalle autorità filo-giapponesi, riparò in Cina. Qui favorì l’alleanza tra Mao Zedong e Ho Chi Minh. Nel 1940 Ho Chi Minh gli affidò l’incarico di curare l’organizzazione del Vietminh. Tornò in patria nel 1945 contribuendo alla sconfitta militare dei giapponesi: affrontò i nipponici a Hanoi e li sconfisse nettamente, liberando la città. Dal 1946 al 1953  egli perfezionò particolari tecniche e strategie di guerriglia, diventando un maestro di tale forma di combattimento. Vo Nguyen Giàp diceva: Se il nemico attacca noi ci ritiriamo; se il nemico si ritira, noi attacchiamo.

Divenuto comandante supremo dell’esercito vietnamita ed assoluto capo dei Vietminh, guidò sia le operazioni militari, che le ribellioni contro le forze coloniali francesi in Vietnam. Queste finirono nel 1954  con il pieno successo di Giap, il quale condusse alla vittoria finale le sue armate nella battaglia di Dien Bien Phu.

Successivamente, sempre come comandante dell’esercito Vietminh, fu impegnato nella guerra del Vietnam. Il generale Giap era abile stratego militare e politico nella lotta compiuta contro il colonialismo francese  e contro l’imperialismo americano.  Diceva che per un successo militare, oltre al processo dialettico a lunga scadenza, non bisognava lasciarsi sfuggire il «momento favorevole»  che potesse essere potenziato da spregiudicate iniziative politiche, una dottrina in cui strategia, propaganda e politica, erano costantemente legate in ogni azione militare da lui concepita.Nel conflitto del Vietnam sconfisse ripetutamente sia l’esercito del Vietnam del Sud, sia le forze armate americane. Nel 1967, organizzò minutamente l’offensiva del Tet.

Vo Nguyen Giàp fondava tutta la propria strategia militare su una analisi dei problemi politici.

Dopo la morte di Ho Chi Minh,  nel 1969, i guerriglieri comunisti Vietcong lo candidarono alla presidenza della Repubblica, ma egli si accontentò del ruolo di ministro della Difesa, carica che peraltro ricopriva già dal 1945. Nel 1980 si dimise dall’incarico di ministro, restando però un personaggio chiave del politburo del nuovo Partito Comunista Vietnamita. Nel 1982 per motivi di età e di salute, rinunciò a ogni carica politica e si ritirò a vita privata, rimanendo però un solido punto di riferimento per i giovani vietnamiti che si affacciano alla politica.

È morto il 4 ottobre 2013, all’età di 102 anni ad Hanoi. Onore e gloria al Generale Giap!

Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email
    RUBRICHE

    Autore

    L'autore non ha ancora aggiunto informazioni al suo profilo
    Commenti Chiusi.