Nascita della Sezione «Pietro Secchia» di C.S.P. – PARTITO COMUNISTA nel Regno Unito

18 marzo 2013 di

E’ con orgoglio militante che annunciamo la nascita della Sezione del Regno Unito «Pietro Secchia» del Partito Comunista.

Da emigrati italiani, abbiamo sperimentato sulla nostra pelle, negli ultimi anni, le contraddizioni del sistema capitalista, le sue perenni crisi, la sua insostenibilità e i suoi guasti. Da militanti comunisti, riteniamo doveroso offrire il nostro contributo alla ricostruzione di un’organizzazione di classe, basata sui principi del marxismo-leninismo, che possa rappresentare un solido nucleo per la ricostruzione di un autentico Partito comunista. In tal senso, nonostante gli attuali limiti, ravvisiamo nella nostra organizzazione alcune caratteristiche fondamentali:

 

-       un solido sistema di relazioni internazionali (aspetto di fondamentale importanza per chi, come noi, vive la condizione di emigrato), unito alla chiara ed inequivocabile collocazione nel campo della lotta all’imperialismo, di ogni matrice;

-       coerentemente, una chiara linea di denuncia dell’irriformabile natura anti-popolare, capitalista e  imperialista dell’Unione Europea, e della necessita’ di rompere la gabbia che essa costituisce per i popoli del vecchio continente;

-       un netto rifiuto dell’illusione parlamentarista ed elettoralista (se non per sfruttare la visibilita’ offerta da quest’ultima), oltre alla consapevolezza che solo la costruzione di un forte movimento di opposizione sociale, con caratteri di classe, possa contribuire ad invertire il corso della storia;

-       un giudizio articolato e dialettico sulle esperienze della storia del movimento operaio e comunista del Novecento;

-       la consapevolezza di non rappresentare, sic et simpliciter, la soluzione della questione comunista, ma di operare per costituire un nucleo di riaggregazione dei comunisti di matrice leninista, di fronte alla deriva opportunista delle organizzazioni tradizionali della sinistra «radicale»;

-       la volonta’ di costruire, in maniera organica e seria, un’aggregazione organizzata dei comunisti che operano nell’emigrazione italiana.

 

Nel processo di fondazione della nostra istanza, scegliamo di richiamarci alla figura di Pietro Secchia, esempio di grande capo partigiano, insuperato organizzatore e agitatore, convinto internazionalista e coerente marxista-leninista italiano.

 

Nell’immediato, la Sezione «Pietro Secchia» del Partito Comunista lavorera’ per divenire un punto di riferimento per la comunita’ italiana nel Regno Unito, promuovendo:

 

-       iniziative di lotta e informazione anti-capitalista, anti-fascista ed anti-imperialista (auspicando, in tal senso la possibilita’ di collaborazione con altre forze politiche internazionali di simile orientamento operanti nel Regno Unito);

-       linee d’intervento specifiche rivolte ai problemi dell’emigrazione (gia’ illustrate nel programma della lista per l’ultima consultazione elettorale nella Circoscrizione Estero – Ripartizione Europa).

 

Inoltre, da militanti comunisti, riconosciamo il valore inestimabile della formazione politica; per tale ragione, la Sezione promuovera’ momenti di studio e approfondimento collettivo per i suoi iscritti e per i simpatizzanti.

Abbiamo bisogno, come diceva Gramsci, di entusiasmo, organizzazione, e studio. Facciamo dunque appello ai comunisti di origine italiana emigrati nel Regno Unito: la Sezione e’ aperta al vostro contributo, alle vostre preziose esperienze. Oggi, piu’ che mai, c’e’ bisogno dei comunisti. Oggi, piu’ che mai, c’e’ bisogno di gettare il cuore oltre l’ostacolo, affinche’ un orizzonte socialista sia ancora possibile.

 

Le compagne ed i compagni della Sezione «Pietro Secchia» del Regno Unito

 

Per contatti e adesioni:

Alain Fissore

alain.fissore@alice.it
Tel. 07858-164686 , 0113-2494471.

Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email
    RUBRICHE

    Autore

    L'autore non ha ancora aggiunto informazioni al suo profilo

    Una Risposta a “Nascita della Sezione «Pietro Secchia» di C.S.P. – PARTITO COMUNISTA nel Regno Unito”

    1. Anonimo dice:

      [...] [...]