Cina riduce pressione fiscale sui redditi più bassi

03 marzo 2011 di

Dal primo aprile i lavoratori di Shanghai vedranno la busta paga crescere del 14%. La notizia e’ stata annunciata dalle autorita’ municipali: dal prossimo mese il salario minimo mensile aumentera’ di 1.280 yuan (circa 130 euro). La retribuzione per un’ora di lavoro crescera’ del 22% raggiungendo cosi’ gli 11 yuan. Sulla scia di Shanghai anche Pechino – nella capitale i salari minimi che si aggirano attorno agli 800 yuan (80 euro) aumenteranno del 10% – e Nanchino – dove le buste paga passeranno da 850 a 960 yuan .

Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email
    Asia, Internazionale

    Autore

    L'autore non ha ancora aggiunto informazioni al suo profilo

    Una Risposta a “Cina riduce pressione fiscale sui redditi più bassi”

    1. Antonio dice:

      La Repubblica Popolare Cinese è il proletariato cinese che si erge a classe sociale dominante sulla borghesia imperialista occidentale. L’economia cinese è quello che Deng ha chiamato “Socialismo di mercato”, pianificazione e controllo all’interno dell’economia socialista statale, mercato per il capitale straniero, che comunque non può speculare con il capitale finanziario perchè il credito è saldamente nelle mani dello Stato e del Partito, ma solo reinvestire i profitti nella produzione o consumare, in tutti i casi a vantaggio dello sviluppo delle forze produttive, cosa a cui punta il partito e a cui tutti i comunisti dovrebbero badare maggiormente nel giudicare il Socialismo cinese. Una economia che non conosce i cicli tanto “cari” a noi occidentali di sovrapproduzione e recessione da decenni ha come presupposto il fatto che in Cina 1)non esiste una classe di sfruttatori “staccacedole” (rentier) alla occidentale che possidono i mezzi di produzione e il denaro, e 2)il Proletariato non deve vendere sul “libero mercato” (che in questo senso non c’è) le sue braccia come merce. Lo Stato (o le Province) impone il prezzo del lavoro artificialmente al di sopra del livello di sussistenza e il Proletariato cinese gode di un livello di benessere ormai sconosciuto alla stragrande maggiorparte degli operai occidentali). Tutto ciò è stato possibile solo al PCC (da Mao passando per Deng, Zu Enlai, Jiang Zemin fino a Hu jintao) e al suo Socialismo basato su una comprensione del Marxismo scientifica che ne ha colto il significato principale, che all’interno del mercato mondiale l’unico modo per il Socialismo di dimostrare la sua superiorità sul capitalismo è lo sviluppo delle forze produttive. I comunisti devono guardare alla Cina e alle conquiste del Proletariato cinese con spirito emulativo, tenendo conto delle condizioni specifiche dei rispettivi paesi con le rispettive storie.

    Lascia un Commento