TRASPORTI MARITTIMI

20 gennaio 2011 di

TRASPORTI MARITTIMI

Continua la farsa della proroga regionale unitamente al ricatto degli
armatori privati che senza titoli in mano vorrebbero continuare a
monopolizzare le linee marittime e gestirle con le logiche del profitto
più spinto, del limone da spremere e del fai da te senza regole e
controlli. Le nuove regole, quelle che solo le gare possono introdurre,
tardano a venire nonostante gli obblighi derivanti dalla Legge
Regionale 3/2002 e dalle vigenti direttive Comunitarie.

L’UNITÀ DEI LAVORATORI MARITTIMI DEL GOLFO DI NAPOLI,SIANO ESSI
PUBBLICI O PRIVATI, ED IL LORO IMPEGNO DI LOTTA sono le condizioni a
cui bisogna tendere per garantire un futuro a chi oggi, per arroganza ed
irresponsabilità padronale, rischia di trovarsi senza posto di lavoro,
dopo una vita di lavoro precario. Chiediamo che ogni lavoratore abbia
un rapporto di lavoro di dignità legato alla funzione che esercita ed alle
sue capacità operative e non ai capricci egoistici ed ai profitti
padronali. Vogliamo per ogni cittadino, per ogni lavoratore pendolare e
per ogni amante delle isole che sia ampiamente realizzato il diritto
costituzionale alla mobilità garantendo sicurezza ed intermodalità; ma
anche qualità nei servizi a terra, oggi completamente negata al Molo
Beverello.

UNA LINEA DI DISCONTINUITÀ NELLA GESTIONE DEL SETTORE A LIVELLO
REGIONALE È PERTANTO AUSPICABILE E NECESSARIA per dare vita ad una
nuova fase che veda il superamante dei privilegi di cui hanno goduto
gli armatori privati, per anni ed anni, a discapito dei diritti degli
utenti in termini di certezza del trasferimento via nave, di qualità
dell’offerta e di equiparazione tariffaria alle altre modalità
regionali; una discontinuità che detti regole certe per il futuro! Sono
questi gli obiettivi a cui tende la politica dei Comunisti- Sinistra
Popolare.

ALL’ACAP ( ASSOCIAZIONE CABOTAGGIO ARMATORI PARTENOPEI ), CHE
MONOPOLIZZA E CONDIZIONA AL NEGATIVO LA VITA COMMERCIALE DEL GOLFO DI
NAPOLI E CHE È CORRESPONSABILE CON IL VECCHIO GOVERNO REGIONALE PER
QUANTO OGGI SI APPALESA IN MODO CHIARO, DICIAMO CHE È FACILE, QUANDO SI
HA DI CHE MANGIARE, FARE IL GRADASSO SULLA PELLE DI CENTINAIA DI
LAVORATORI !!!!!

Occorre battersi per potenziare un bene comune per tutti ( ! ), la
Compagnia pubblica Caremar, a cui affidare i servizi essenziali per la
mobilità di cittadini delle isole e dei lavoratori pendolari, per gli
approvvigionamenti giornalieri di prima necessità, per garantire le
corse socialmente utili e per soddisfare le esigenze di sviluppo socio-
economico e turistico delle comunità isolane.

OCCORRE DEFINIRE IL RESTANTE DEI SERVIZI COSIDDETTI OSP ( OBBLIGO DI
SERVIZIO PUBBLICO ) in un razionale Piano Regionale che soddisfi le
ulteriori esigenze di mobilità marittima da assegnare mediante concorso
europeo tra più concorrenti nel rispetto dei diritti maturati dai
lavoratori e superando qualsiasi forma di monopolizzazione di settori
del mercato e/o di spartizione delle aree portuali.

COMUNISTI SINISTRA POPOLARE
SEGRETERIA REGIONALE CAMPANA E PROVINCIALE DI NAPOLI    

Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email
    RUBRICHE

    Autore

    L'autore non ha ancora aggiunto informazioni al suo profilo
    Nessuna Risposta to “TRASPORTI MARITTIMI”

    Lascia un Commento